Le ulcere diabetiche

piede-diabetico

Ulcere da piede diabetico

Come ulcera diabetica si intende una lesione di continuo che può interessare, in relazione alla sua importanza e gravità, i tessuti cutanei, sottocutanei ed ossei.

La sua localizzazione distrettuale più comune è nel piede coinvolgendo in senso disto-prossimale le regioni apicali delle dita, le giunture articolari delle interfalangee, le teste metatarsali (regione plantare), il tallone, le prominenze ossee del mortaio tibio-peroneo-astragalico(caviglia),e la gamba. Il coinvolgimento del piede è molto pericoloso per il protrarsi della patologia in quanto spesso si presentano coinvolgimenti dei tessuti sottocutanei ed ossei con infezioni e fistole che portano ad amputazioni delle regioni interessate, anche se la ricerca e la tecnologia consentono la realizzazione del trapianto dei tessuti.

Le ulcere diabetiche si possono distinguere per etiolgia in tre sotto-classi

  • Ulcere neuropatiche

    le ulcere che presentano un più marcato interessamento del sistema nervoso periferico non escludendo la presenza di vasculopatia;

  • ulcere vascolari

    Ulcere che presentano un più marcato interessamento del sistema vascolare non escludendo l'interessamento del sistema nervoso periferico;

  • ulcere infette
    Ulcere in cui è presente l'infezione, con una concomitante presenza di neuropatia e/o vasculopatia che poi ha generato la lesione stessa..

Questa distinzione etiologica spesso risulta inappropriata in quanto non è quasi mai presente una delle cause, ma spesso c'è la concomitanza di due o più fattori. La neuropatia, la vasculopatia e le infezioni in maniera più o meno marcata interessano le estremità dell'apparato locomotore in un paziente diabetico.

Il piede diabetico è la risultante di complicanze a carico della circolazione sanguigna e del sistema nervoso periferico. Il restringimento delle arterie (vasocostrizione) porta a una diminuzione dell'afflusso di sangue alle estremità (arteriopatia periferica). L'arteriopatia periferica ha come conseguenza il minor apporto di ossigeno e sostanze nutritive al piede; le ossa e le articolazioni tendono a indebolirsi, il piede diventa piatto e si creano nuovi punti di pressione in cui la pelle si può danneggiare, queste lesioni possono evolvere fino a vere e proprie ulcerazioni.

I danni a livello del sistema nervoso periferico portano a una riduzione della sensibilità al dolore (neuropatia diabetica) con maggiore probabilità di ferirsi o difficoltà nel riconoscere situazioni di sofferenza (ad esempio calzature non idonee).

 


I nostri collaboratori...